Molti mi chiedono: “Perché variare su più settori è così importante?”

La risposta è semplice:

Tralasciando il fatto che spesso i settori seguono tutti un andamento più o meno simile (di conseguenza se investissimo solo in aziende farmaceutiche potremmo assistere ad una flessione generale di tutte le aziende di quel settore), se investissimo per esempio solo in aziende che si occupano di fornitura di gas qui in Italia, il giorno che la Russia decide di chiudere i gasdotti a causa dei soliti battibecchi politici ci ritroveremmo con una grande perdita del valore delle nostre azioni.

Oppure, supponiamo di investire gran parte dei nostri fondi in aziende nel settore petrolifero e proprio in quel momento vengono scoperte delle nuove batterie per auto di nuova concezione in grado di fare 10.000 km con una sola ricarica al costo di 1 euro, capisci bene che il prezzo del greggio crollerebbe (Ovviamente con questo ultimo esempio ho esagerato con i numeri, ma la cosa che più mi interessa è che tu capisca il concetto e con questo stupido ma efficace esempio credo tu abbia capito).

Quindi il consiglio principale è VARIA SU PIU’SETTORI, ce ne sono quanti ne vuoi, e quelli che per primi mi saltano in mente che più mi sento di consigliarti sono: trasporti, comunicazioni, turismo, commercio, materiali, metalli, aerospazio e difesa, agricoltura, farmaceutica, estrazione, servizi pubblici costruzioni, cantieri navali.

Ci terrei a ricordarti che io personalmente mi tengo molto alla larga da aziende nel settore tecnologico, penso che ci sia una concorrenza spietata, una guerra al ribasso e di conseguenza il tutto si traduce in un bagno di sangue per molte aziende nel settore tecnologico.

Un’altro settore che mi sento di sconsigliarti su cui investire è quello di abbigliamento e moda, uno dei tanti motivi è il fatto che non esiste più per tante società (o forse per tutte dal momento che non è più cosi conveniente farli fare qui in Italia i vestiti) la possibilità di creare il made in italy. Di conseguenza molte società italiane considerate le migliori del mondo in termini di qualità, da quando creano i loro abiti in Cina hanno perso quella credibilità che avevano una volta (giustamente direi, d’altronde l’Italia dovrebbe essere la capitale della moda per qualità e bellezza, ma se fanno i vestiti in Cina non mi sembra molto coerente come cosa).

Un altro esempio è quello dei servizi finanziari, ovvero investire per esempio nelle banche. In un mondo governato per lo più da speculatori, investire nelle attività bancarie significherebbe dare i tuoi soldi a gente che compra e vende aria fritta e se la cosa va bene, ci guadagni qualcosina, ma se va male perdi un sacco di soldi. Io non so te ma non mi sento tranquillo ad affidare i miei soldi a qualcuno che compra e vende dei numeri su uno schermo. Sarebbe pura speculazione.

Questi sono solo 3 esempi di settori in cui non investirei mai, ma ricorda che ce ne sono altri, fai sempre delle considerazioni razionali come ti ho appena mostrato qui sopra.

Se vuoi sapere di più scarica la mia Guida:

Guida All’ Acquisto Di Azioni: L’unica Guida in Italia che ti spiega per filo e per segno, step by step quali sono le migliori aziende su cui investire, le più sicure le più solide e le più performanti, grazie a un metodo matematico basato sull’analisi statistica, per riuscire a calcolare il vero valore di un’azione avendo una probabilità statistica di successo (testata e provata negli anni) del 97%, senza farti ingannare dal prezzo e senza rischiare di investire in un’azienda sull’orlo del fallimento e senza il pericolo di perdere i tuoi soldi! Una Guida che ti mostra dove trovare, come analizzare, come interpretare e come capire, i numeri di un bilancio. Insegnandoti inoltre, quasi 60 termini spiegati voce per voce, capendo fin da subito quali sono i parametri ideali, con un’altissima profittabilità statistica se un’azienda è un’ottima opportunità di investimento, evitando la minaccia di acquistare un’azione di un’azienda malata commettendo gli stupidi errori che fanno tutti i principianti.

​​​​​​​A presto
Luca